Home

Calendario

De Luca

Mostre

Incontri

Immagini

Luoghi

Partner

Press Kit

Contatti
Christophe Blain
Cartoline da...
Chihoi Lee
Ernest,
Flashfumetto
Luca Genovese
Gabriella Giandelli
Paul Hornschemeier
Kevin Huizenga
Ich / I / Je / Io
Louis Joos
Marijpol
Christopher NIelsen
Anders Nilsen
Nosferatu
Paura del Nero
Stefano Ricci
Luca Salvagno
Olivier Schrauwen
Hok Tak Yeung
Botes / Matite per la radio
Nato nel 1970 a Gennevilliers, è un esponente di spicco del nuovo fumetto francese. Fortemente influenzato nel suo approccio ai temi d’avventura dal servizio militare svolto in marina, ha debuttato nel 1997 per Dargaud pubblicando La rèvolte d’Hop-Frog, su testi di David B..
Negli anni successivi ha inoltre collaborato anche con artisti del calibro di Sfar e Trondheim, realizzando i disegni della serie Donjon Potron-Minet. La prima storia come autore completo risale al 1999 con Le rèducteur de vitesse, un racconto che trae una forte ispirazione proprio dall’esperienza avuta dall’autore nella marina militare.
Nel 2001 dà vita alla serie Isaac le pirate, che gli vale importanti riconoscimenti, tra cui nel 2002 il premio come miglior albo dell’anno ad Angouléme. Dal 2002 porta avanti anche la serie Socrate le demi-chien su testi di Sfar. Ultima opera pubblicata è Nathalie, primo episodio della serie Gus, un western dagli spunti comici a là Woody Allen. Ha inoltre lavorato come illustratore per i principali editori francesi. In Italia le sue opere sono pubblicate dalla Kappa Edizioni di Bologna.
Con le opere di Christophe Blain ci immergiamo nella grande tradizione dell’avventura, resa però attuale da protagonisti che, non essendo grandi eroi ma persone comuni, riescono a barcamenarsi tra eventi di ogni tipo, e trascinando il lettore nelle loro peripezie.
Per permettere questa identificazione, Blain utilizza uno stile minimalista, caratterizzato da tratti semplici e da una colorazione viva a tinte piatte. Un tratto spontaneo e istintivo che accresce il senso di fluidità e di movimento delle sequenze e dei personaggi stessi delle sue storie, unito ad un senso cinematografico della narrazione, dato da un montaggio serrato e dalla moltiplicazione dei punti di vista. Ed è appunto sul tema dell’avventura, trattata dall’autore in molteplici sfumature, che si concentrerà la mostra allestita nei prestigiosi spazi di Palazzo Poggi, tutta giocata sul confronto tra gli scenari avventurosi delle tavole e quelli evocati dal Museo.
 
 
In collaborazione con Museo di Palazzo Poggi, maison franšaise e Fumetto Luzern
Sito ottimizzato per una risoluzione video di 1024 x 768 - Tutti i diritti sono riservati a Hamelin Associazione Culturale - www.hamelin.net